L’ultimo avversario sorteggiato ed il primo con cui scenderemo in campo nell’avventura di Champions League è la squadra del Midtjylland.

Il team danese è approdato per la prima volta nella sua storia ai gironi eliminatori di Champions League, dopo aver superato la fase preliminare.

La storia di questa squadra, poco conosciuta in Italia, è davvero curiosa. Essa infatti è di recentissima formazione: vanta solo ventun’anni di storia, perché venne fondata nel 1999 da un falegname.

Tuttavia, la mancanza di un passato ben consolidato non sembra essere un ostacolo per l’equipe, che negli ultimi sei anni ha conquistato tre campionati e una coppa di Danimarca. È allenata da Priske, la cui carriera si è sviluppata nel club, dapprima come assistente poi come coach delle giovanili e, a partire dal 2019, a capo della squadra.

Secondo gli analisti più esperti, il team usa algoritmi raffinati per prendere in esame le rose delle varie squadre.

Il club danese è perciò quello che riesce a utilizzare la tecnica più innovativa per riuscire a individuare i campioni futuri. Ecco perché, per quanto questo avversario sembri alla portata dell’Atalanta, è fondamentale non sottovalutarne la capacità predittiva. In particolare è da tenere d’occhio Sisto, ex giocatore del Celta Vigo, in grado di brillare nel suo ruolo di ala sinistra nel classico 4-3-3 del Midtjylland.