Torna la Champions con la partita più attesa di tutte. L’avversario europeo più forte mai affrontato, in una cornice suggestiva, per dimostrare all’Europa che l’Atalanta c’è, e vale.

Tutto pronto a poche ore da quella che per il pubblico di Bergamo è una partita attesissima. Di nuovo in terra inglese, dopo il trionfo sull’Everton in Europa League e la sfortunata tournée di quest’estate.

Questa volta però il teatro è l’Etihad Stadium di Manchester, il palcoscenico è la Champions League e l’avversario il City di Pep Guardiola.

Una delle squadre più forti al mondo in questo momento, favorita per la vittoria finale e guidata da uno dei migliori allenatori in circolazione, autentico maestro di calcio sul quale anche Gasperini si è espresso con parole al miele, in risposta agli elogi proprio del manager catalano nei confronti della Dea e di Gasp stesso: “Una gioia veder giocare l’Atalanta, incredibile ciò che hanno fatto l’anno scorso. Penso di Gasperini quello che pensavo di Sarri”. Al di là di due grandi allenatori che si ammirano a vicenda, questa sera in campo ci sarà il migliore attacco della Premier contro il migliore attacco della Serie A, con entrambe le squadre in emergenza nel settore difensivo.

Si prospetta insomma una partita ricca di gol. Al di là dell’attacco, unica statistica nella quale le squadre si eguagliano, si tratta di una sfida del tutto impari: la rosa più costosa della Champions (che vanta anche 5 giocatori nei 30 finalisti per il prossimo pallone d’oro) contro una delle rose meno “valide” economicamente nella competizione, per non parlare dei titoli vinti. Tutto ciò potrebbe spaventare i nerazzurri, dati praticamente per già sconfitti ancor prima di giocare, ma forse proprio per questo l’obiettivo di stasera per l’Atalanta dev’essere un altro, al di là del risultato.

Questa sera la Dea dovrà scendere in campo ed essere la Dea, quella che abbiamo ammirato in questi ultimi anni, quella di cui ci innamoriamo di più ogni partita che passa, quella che scalando la vetta della Serie A è arrivata fin qui, e che ora come non mai può dimostrare a tutta l’Europa quanto veramente valga questa squadra.

Una squadra che è una città, la cui gente non si stanca mai, e segue questi colori ovunque, senza mai smettere di amarla.

Buon calcio a tutti, e forza Atalanta.

by Matteo Beltrami